Vermeer torna a casa

107 Visualizzazioni

4 gennaio 2016

Vermeer torna a casa

Dopo 320 anni il famoso dipinto 'The Little Street' di Johannes Vermeer ritorna a Delft. Grazie alla straordinaria collaborazione tra il Museo Prinsenhof di Delft e il Rijksmuseum di Amsterdam, il capolavoro verrà portato questa primavera nella città dove Vermeer dipinse il quadro intorno al 1658. La stradina di Vermeer è uno dei pezzi più prestigiosi del Rijksmuseum e raramente è stato dato in prestito. Questo dipinto è solo uno dei quattro Vermeer in possesso del Rijksmuseum, tutti considerati capolavori assoluti della collezione permanente.

Continua
Johannes Vermeer The Little Street 1657–1658 Rijksmuseum, Amsterdam

Dopo 320 anni il famoso dipinto 'The Little Street' di Johannes Vermeer ritorna a Delft. Grazie alla straordinaria collaborazione tra il Museo Prinsenhof di Delft e il Rijksmuseum di Amsterdam, il capolavoro verrà portato questa primavera nella città dove Vermeer dipinse il quadro intorno al 1658. La stradina di Vermeer è uno dei pezzi più prestigiosi del Rijksmuseum e raramente è stato dato in prestito.  Questo dipinto è solo uno dei quattro Vermeer in possesso del Rijksmuseum, tutti considerati capolavori assoluti della collezione permanente

Sono circa 35 le opere di Johannes Vermeer sopravvissute in tutto il mondo e questo prestito è reso ancora più interessante dal fatto che, nessuna delle opere del pittore si trova a Delft, la città dove visse e lavorò tutta la sua vita. Sono addirittura passati oltre 60 anni dall’ultima volta in cui uno dei suoi quadri fu esposto a Delft.

Per Patrick van Mil, direttore del Museo Prinsenhof Delft, l'arrivo del dipinto a Delft “è un sogno che si avvera”. Ha in fatti detto che “E' fantastico che il Rijksmuseum abbia facilitato il riavvicinamento tra Vermeer e la sua città di nascita e che torni ‘La stradina di Delft' proprio nel luogo in cui fu dipinto.” Ha inoltre voluto sottolineare che “Vermeer è uno dei più famosi pittori del mondo e che ‘La stradina’ sia un ottimo esempio di innovazione della Scuola di Delft intorno alla metà del 17 ° secolo”. Il direttore ha infine aggiunto che “Il Museo Prinsenhof di Delft sarà in grado di mettere in evidenza la bellezza di questo capolavoro, affiancandolo con le altre grandi opere della scuola di Delft presenti nella collezione del museo.”

A rendere ancora più eccezionale l’arrivo del quadro a Delft, è la clamorosa scoperta fatta recentemente dal professor Frans Grijzenhout, che, consultando il registro dei canali contente la contabilità delle tasse imposte a ciascun immobile di Delft che si affacciava sull’acqua, è riuscito a risalire all’esatto punto dove Vermeer si ispirò per il suo quadro: Vlamingstraat 40 e 42. Le abitazioni che si trovano a questi civici sono proprio le due che sono ritratte nel dipinto. Mettendo a confronto il quadro e la foto si possono infatti vedere le somiglianze tra i due, nonostante i cambiamenti che hanno naturalmente mutato lo stile e la struttura delle case. Inoltre una delle due abitazioni apparteneva proprio alla zia del pittore Ariaentgen Claes van der Minne.

Fino al 13 marzo il quadro rimarrà esposto al Rijksmuseum per una mostra dedicata proprio a questa scoperta, dopo di che il 25 marzo verrà portato a Delft fino al 17 di luglio.

I luoghi associati a Vermeer e alla “Stradina di Delft” si trovano tutti nelle vicinanze del Museo

“Prinsenhof”. Dopo aver visitato il museo, il visitatore potrà letteralmente seguire le orme del pittore nella sua città, grazie a nuovi percorsi a piedi, una speciale App virtuale e pacchetti dedicati a Vermeer, tutto questo per riportare in vita “La Delft di Vermeer”.

www.prinsenhof-delft.nl, sito della città di Delft: www.delft.nl

Per maggiori informazioni, si prega di contattare
pers-prinsenhof@delft.nl, pressoffice@rijksmuseum.nl , 0031 20 6747172