Cucina olandese

Contrariamente a quanto si pensi, la cucina olandese va ben oltre l'aringa e il formaggio. Incontra imprenditori gastronomici e amanti della buona cucina, esplora interessanti tendenze culinarie olandesi e scopri i ristoranti migliori, i locali preferiti dagli abitanti del posto e i piatti da non perdere. Buon appetito!

  • Il fascino del bar dell'hotel
    Marloes Tervoort, venerdì 13 giugno 2014

    Quando faccio shopping mi piace entrare in un hotel, per il gusto di sentirmi come una turista nella mia città. Provare la sensazione di libertà di un viaggiatore in terra straniera mi fa uscire dalla routine della vita quotidiana. Sembra che non capiti solo a me, data la crescente popolarità dei bar degli alberghi che, fortunatamente, non sono più appannaggio dei soli clienti.

    Continua
  • Il nuovo tempio della musica
    Marloes Tervoort, venerdì 9 maggio 2014

    Adoro uscire: ristoranti, bar, mostre, teatro. Vado volentieri anche ai concerti ma, da brava olandese, preferisco le sale dall'atmosfera raccolta. Per tale motivo mi piace il Paradiso, tempio della musica pop di Amsterdam, oppure l'intimo Bitterzoet dove allungando la mano riesci quasi a sfiorare gli artisti.

    Continua
  • Pane per ogni momento
    Denise Kortlever, lunedì 17 marzo 2014

    Gebr. Niemeijer è una delle migliori panetterie di Amsterdam. Tutto ciò che trovi in questa panetteria francese, dal pane ai croissant e alla pasticceria, è prodotto a mano senza l'uso di additivi e cotto in un grande forno in muratura. I cornetti vantano molti fan locali e persino i clienti francesi più esigenti fanno la fila per comprare i pain au chocolat e la baguette. Situata in Nieuwendijk, la panetteria Niemeijer è anche un accogliente locale in stile Art Déco che serve fantastici caffè alla maniera dell'Italia del sud. Compra una pagnotta fresca a lievitazione naturale da portare a casa o fai uno spuntino a base di pane alle noci e marmellata di fichi. Ricorda di lasciare un po' di spazio per il tortino al limone o i macaron.

    Continua
  • A proposito di formaggi
    Denise Kortlever, lunedì 27 gennaio 2014

    Betty Koster è la massima esperta di formaggio olandese nonché la proprietaria di l'Amuse, un negozio di formaggio vivamente consigliato con sedi a Santpoort e ad Amsterdam. Poche persone si intendono di formaggio come Betty. Secondo lei ciò che rende speciale il formaggio olandese è il fatto che un paese così piccolo possieda molti terroir diversi, ognuno dei quali determina un sapore distinto. "In Olanda vi sono formaggi stagionati provenienti dall'area 'Groene Hart' (cuore verde) e formaggi dolci e cremosi prodotti nella provincia del Brabante, dove le mucche pascolano in prati di erba ricca di nutrienti. Abbiamo il formaggio di pecora pré-salé (pascolo con alto contenuto salino) delle isole di Texel e Terschelling nonché i latticini intensi e delicati provenienti dai polder dell'Olanda Settentrionale." Ecco alcuni formaggi olandesi da non perdere.

    Continua
  • Bomboloni e frittelle alle mele
    Denise Kortlever, lunedì 16 dicembre 2013

    Gustare queste dolci leccornie fritte è parte integrante dei festeggiamenti per salutare il nuovo anno, solitamente con l'accompagnamento di una coppa di champagne a mezzanotte. Gli 'oliebollen' sono dolci simili ai bomboloni, fatti con una pastella a base di farina, uova, lievito e latte e fritti in olio bollente. A volte viene usata la birra al posto del lievito e vengono aggiunti ingredienti facoltativi quali uvetta, scorza candita e mele. Infine gli 'oliebollen' vengono inevitabilmente spolverati con una generosa dose di zucchero a velo. Gli 'appelbeignets' sono frittelle tonde ripiene di mela, fatte con una pastella dolce, fritte in olio bollente e servite con zucchero e cannella.

    Continua
  • La rinascita del teatro
    Marloes Tervoort, venerdì 15 novembre 2013

    In passato lavoravo come critico teatrale e quindi trascorrevo molto tempo nei teatri di Amsterdam. Mi piaceva l'architettura, ma gli ambienti erano piuttosto squallidi - foyer inospitali, guardaroba dall'aria viziata, caffè pessimo e via dicendo.

    Continua
  • Voyeurismo culturalmente giustificato
    Marloes Tervoort, domenica 20 ottobre 2013

    Gli abitanti di Amsterdam sono fieri del 'loro' IDFA, istituito nel 1988 con l'intento di 'dare un impulso nazionale e internazionale alla cultura del documentario'. I biglietti in prevendita devono essere acquistati con largo anticipo, ma fortunatamente ho un'amica che ogni anno mi manda l'elenco delle proiezioni da non perdere, perciò non mi resta che seguire i suoi consigli. La mia amica si occupa dell'acquisto dei biglietti per queste piccole gemme offerte dal programma.

    Continua
  • Una serata al museo
    Marloes Tervoort, martedì 3 settembre 2013

    Ricordo ancora molto bene quella prima serata 'Night at the Museum' ad Amsterdam. I miei colleghi e io avevamo acquistato i biglietti con largo anticipo ed eravamo entusiasti all'idea di ballare fino a notte fonda al museo. Per noi era ovvio: non potevamo perderci questo evento. Mi vedo ancora mentre mi scateno sulla musica di DJ Per al Tropenmuseum, dopo essere stata allo Stedelijk, al Rijksmuseum e al Museo della Storia Ebraica, giusto per non farmi mancare nulla. Tanto divertimento in una sola notte richiede una pianificazione efficiente, nonché una buona bicicletta.

    Continua
  • Il selvaggio Est
    Denise Kortlever, martedì 3 settembre 2013

    Nonostante l'Olanda sia un paese piccolo e densamente popolato, vi è abbondanza di selvaggina grazie all'oculata politica di controllo della fauna selvatica. Le foreste e i campi sono abitati da folti gruppi di lepri, cinghiali, fagiani e cervi. La parte orientale del paese è nota per l'ottima qualità della carne di selvaggina, dato che sui terreni sabbiosi della riserva naturale del Veluwe gli animali devono procacciarsi il cibo da soli. Dall'attività fisica cui sono soggetti deriva una carne di alta qualità, tenera e gustosa. La selvaggina viene spesso considerata genuina e probabilmente rappresenta il modo più sostenibile di consumare carne di animali non d'allevamento.

    Continua
  • Il piacere di stare a tavola
    Denise Kortlever, lunedì 29 luglio 2013

    Siamo connessi con il mondo intero attraverso Internet e i social media, ma allo stesso tempo ricerchiamo sempre più spesso contatti personali 'veri'. Desideriamo conoscere realmente i nostri vicini, sederci a tavola con nuove persone interessanti e assaporare il meglio di culture diverse. Mangiare insieme ad altri potrebbe rivelarsi il modo più efficace di stabilire nuovi contatti.

    Continua
  • Fate largo a 'De Parade'
    Marloes Tervoort, giovedì 6 giugno 2013

    Il festival del teatro itinerante De Parade vanta fama internazionale. Da giugno ad agosto, si svolge in successione all'Aia, Utrecht, Rotterdam e Amsterdam. Nonostante le estati olandesi non siano caratterizzate da un clima tropicale, l'evento De Parade trasforma ogni estate in una festa calda e avvolgente. Penso che ciò sia dovuto all'atmosfera nostalgica, con le piccole tende da circo che fungono da teatri, le capanne improvvisate utilizzate temporaneamente come ristoranti e la giostra al centro. De Parade crea un ambiente gioioso che attira un folto pubblico composto in prevalenza da trentenni.

    Continua
  • Molto più di un festival del jazz
    Marloes Tervoort, martedì 4 giugno 2013

    Tradizionalmente l'Aia era la culla del più importante festival olandese del jazz, di grande prestigio internazionale. Quando il North Sea Jazz si è trasferito a Rotterdam nel 2006, lo stuolo di fan entusiasti è rimasto un po' disorientato. Nonostante le due città non siano molto distanti una dall'altra, sono caratterizzate da atmosfere assai diverse. Inoltre il festival aveva un legame talmente stretto con l'Aia che a Rotterdam ha dovuto costruirsi una tradizione completamente nuova.

    Continua
  • Il vento soffia verso Ovest
    Marloes Tervoort, lunedì 27 maggio 2013

    Lo ammetto, è piuttosto distante da dove abito, poiché devo andare oltre il Museo della Navigazione e la Stazione Centrale e percorrere tutta Haarlemmerstraat, ma ne vale sempre la pena. A volte ci vado per fare un picnic sui prati del Westerpark, mentre in altre occasioni mi fermo a comprare brioche e caffè al 'Bakkerswinkel' prima di proseguire nell'oscurità in direzione dell'accogliente cinema 'Ketelhuis' per assistere alla proiezione di un bel film.

    Continua
  • Il segreto dell'agnello di Texel
    Denise Kortlever, lunedì 6 maggio 2013

    L'agnello di Texel ottiene sempre recensioni molto positive ed è apprezzato in tutto il mondo. Si dice che anche la regina d'Olanda Beatrice ne sia golosa e che lo faccia servire ai banchetti quando ospita capi di Stato stranieri. Il segreto del successo dell'agnello di Texel è il suo sapore unico: leggermente salato, grazie alla salinità dell'aria e del terreno, ed estremamente tenero e succoso.

    Continua
  • Festa per il palato
    Denise Kortlever, mercoledì 24 aprile 2013

    Per gli amanti del cibo, in primavera e in estate potrebbe essere difficile decidere a quale festival partecipare, perché l'offerta di eventi gastronomici è estremamente ampia. Il festival culinario più antico e più grande d'Olanda è il Preuvenemint che si svolge a Maastricht (22-25 agosto), mentre il festival internazionale Taste di Amsterdam (6-9 giugno), nell'ambito del quale i ristoranti presentano i loro signature dishes, riscuote sempre un enorme successo. Un evento relativamente nuovo è Rollende Keukens (9-12 maggio), caratterizzato da una grande varietà di straordinari stand mobili e furgoni per la ristorazione ambulante che attirano un pubblico giovane e trendy. E questi sono solo tre esempi.

    Continua
  • Per un pubblico brizzolato e non
    Marloes Tervoort, mercoledì 24 aprile 2013

    Se ti trovi a Museumplein e ammiri la magnifica sala da concerto Concertgebouw in stile neoclassico, fai fatica a immaginare che nel 1881, quando venne approvata la costruzione dell'edificio, questo luogo non era altro che un terreno paludoso. Oggi, con lo Stedelijk Museum riaperto di recente ubicato in posizione diagonalmente opposta, e il Rijksmuseum completamente rinnovato quasi di fronte, questo è il centro culturale per eccellenza.

    Continua
  • Viva la regina!
    Marloes Tervoort, martedì 23 aprile 2013

    Una bandierina rossa-bianca-blu disegnata sulla guancia. Vestitino arancione. La strada colma di persone. Birra alla spina a ogni angolo. Il divertente mercato dove ognuno cerca di vendere tutti gli oggetti ritrovati in soffitta. Il profumo della carne appena cucinata sulla griglia. La musica che si diffonde dagli altoparlanti. Adoooooro il Giorno della Regina!

    Continua
  • Una passeggiata sulla spiaggia di Scheveningen
    Ulrike Grafberger, martedì 16 aprile 2013

    Quando fuori si scatena una tempesta di vento, da vera tedesca del sud mi piacerebbe acciambellarmi sul divano con un buon libro, mentre un olandese preferirebbe andare alla spiaggia a 'lekker uitwaaien' (prendere una bella boccata d'aria fresca). Quello che non riesco a capire è la combinazione di 'lekker' (una bella boccata di) e 'uitwaaien' (aria fresca). Infatti 'uitwaaien' (aria fresca) significa passeggiare sulla spiaggia mentre soffia un vento freddo come minimo forza 6, con la sabbia che svolazza tutto intorno. Quindi 'uitwaaien' non significa altro che essere avvolti in un turbine di vento.

    Continua
  • Un tempio dell'arte
    Ulrike Grafberger, lunedì 15 aprile 2013

    Questo evento straordinario è ormai imminente: il 13 aprile 2013 il Rijksmuseum aprirà nuovamente i battenti. L'ultimo impegno ufficiale della Regina Beatrice sarà proprio la nuova inaugurazione del museo. Nella fase preparatoria prima del grande giorno, i media (e non solo quelli olandesi) pubblicano in continuazione lunghi articoli sul Rijksmuseum, la catena di supermercati Albert Heijn vende confezioni di latte e yogurt sulle quali sono raffigurati i capolavori esposti al Rijksmuseum, e il ritorno del celebre dipinto 'La Ronda di notte' di Rembrandt è stato trasmesso persino dalla televisione tedesca. Perché tanto rumore da parte dei media? Il Rijksmuseum non è un museo come un altro? Inequivocabilmente no.

    Continua
  • Va di moda la salsiccia
    Denise Kortlever, lunedì 18 marzo 2013

    In passato le salsicce erano considerate come un alimento di seconda categoria, adatto solo come spuntino veloce e untuoso. Ma indubbiamente le cose sono cambiate. In linea con l'aumento della sensibilità morale delle persone riguardo al consumo di carne, oggi tutti preparano le proprie salsicce, dagli appassionati di cucina che sfogano la loro creatività a casa, fino agli chef di numerosi e variegati ristoranti.

    Continua
  • Assisti al Festival Internazionale del Film di Rotterdam
    Heather Tucker, martedì 5 marzo 2013

    La 42a edizione del Festival Internazionale del Film di Rotterdam (IFFR) si è svolta dal 23 gennaio al 3 febbraio 2013. Ho iniziato ad assistere a questo festival nel 2010, dopo avere notato per strada un manifesto che lo annunciava, ma allora non avevo idea di cosa fosse. Ogni anno questo evento mi entusiasma moltissimo e cerco di vedere sempre più film rispetto all'anno precedente (cosa non difficile, dal momento che ho cominciato guardandone uno solo). Quest'anno non ha fatto eccezione.

    Continua
  • Scopri alcuni tipici piatti olandesi
    Denise Kortlever, martedì 5 marzo 2013

    Chiedi a un francese qual è un piatto tipico del suo paese e probabilmente ti parlerà della squisita bouillabaisse. Uno spagnolo elogerà le tapas, mentre a un italiano verrà in mente la pasta. Ma esiste un cucina tradizionale olandese? La risposta è sì, e la sua popolarità è in ascesa.

    Continua
  • Viva la musica dal vivo
    Candy Dulfer , martedì 5 marzo 2013

    Alcuni artisti preferiscono chiudersi in uno studio quando registrano un CD. Evitano il palco, hanno paura di commettere errori. Personalmente ritengo che niente sia paragonabile all'esibizione live, poiché non vi è nulla di più reale. Anche i minimi sbagli vengono notati, ma non importa. A volte spero persino che qualcosa vada storto, perché allora ha inizio il vero divertimento. Adoro la spontaneità e l'improvvisazione. I musicisti sentono quando sono veramente sintonizzati con il pubblico e per tale motivo non mi piace suonare in ambienti con le luci abbassate. Voglio vedere i volti degli spettatori e valutare le loro reazioni.

    Continua
  • Marqt e altri mercati
    Denise Kortlever, martedì 5 marzo 2013

    Marqt è un nuovo tipo di mercato, formato da una catena di negozi di prodotti alimentari genuini che offrono un'alternativa ai supermercati tradizionali. Presso i punti vendita di Amsterdam, Haarlem e l'Aia (Rotterdam aprirà a breve) sono disponibili cibi biologici freschi, presentati in un ambiente invitante e gradevole. I fondatori Quirijn Bolle e Meike Beeren, entrambi con esperienza lavorativa presso distributori internazionali di generi alimentari, hanno notato l'assenza di alimenti freschi e genuini e hanno deciso che fosse giunto il momento di cambiare. "I consumatori sono sempre più consapevoli della provenienza dei prodotti che acquistano, e spesso non riescono a trovare cibi genuini nei supermercati tradizionali. Marqt costituisce il punto di incontro tra i clienti da una parte e gli agricoltori e i produttori dall'altra, che forniscono esattamente gli alimenti desiderati".

    Continua
  • Quattro sane risate
    Marloes Tervoort, mercoledì 13 febbraio 2013

    Per me, trascorrere una serata in un seminterrato è come respirare una boccata d'aria fresca. Dopo un'avvilente giornata di luce, mi sento subito a mio agio in quello che considero il mio elemento. Mi succedeva la stessa cosa nel bar della cantina dell'edificio dove studiavo. Entrare alle cinque del pomeriggio per bere qualcosa significava uscirne ubriaca sei ore dopo. Al Toomler mi comporto meglio, ma lo trovo altrettanto accogliente.

    Continua
  • Cibo=Design
    Denise Kortlever, mercoledì 13 febbraio 2013

    Perché il tè è racchiuso in una bustina? Perché nei ristoranti viene sprecata una grande quantità di cibo? Katja Gruijters avvia sempre i suoi progetti mettendo in discussione ciò che si dà per scontato. Mangiare costituisce un bisogno basilare per le persone, ma allo stesso tempo fa parte della nostra cultura, pertanto è un atto legato a determinati rituali e all'interazione umana. Katja Gruijters intende contribuire positivamente alla cultura del cibo e per tale motivo crea prodotti alimentari innovativi, come caramelle decorate con fiori, piatti commestibili e tavolette di cioccolato a forma di pizzo. Attualmente l'attenzione di Katja è concentrata soprattutto sulla sostenibilità dei cibi che consumiamo. Strane normative europee (vi sono regole severe che disciplinano le dimensioni e la forma di frutta e verdura; ad esempio le banane devono essere perfettamente curve) hanno convinto Katja Gruijters che è giunto il momento di ridefinire la nostra percezione del cibo e di sostenere prodotti reali e onesti. Partendo da questo presupposto, Katja sviluppa progetti incentrati su una cultura alimentare ben pensata, come ad esempio ristoranti a zero sprechi e cene preparate esclusivamente con avanzi.

    Continua
  • Viva la Spagna in Olanda
    Racheda Kooijman, lunedì 7 gennaio 2013

    È possibile che in ogni olandese si celi segretamente un focoso spirito spagnolo? Gli olandesi, apparentemente calmi e compassati, sono forse animati interiormente da fervore e passione? Ciò spiegherebbe perché la Spagna è una destinazione di vacanza prediletta e perché il flamenco è tanto popolare in Olanda. In tutte le principali città olandesi vi sono scuole di flamenco e i biglietti vanno a ruba quando gli artisti spagnoli calcano i palchi olandesi. La prima Biennale, organizzata nel 2006, ha riscosso un successo strepitoso e da allora ogni due anni i migliori artisti di flamenco spagnoli si riuniscono in Olanda per presentare gli sviluppi più recenti. Gli organizzatori definiscono questo evento "Flamenco in molte chiavi diverse" per via dell'interazione con altre culture e altri generi musicali.

    Continua
  • Delizia di mele
    Denise Kortlever, mercoledì 13 febbraio 2013

    Se chiedi a un olandese qual è la sua torta prediletta probabilmente ti risponderà 'appeltaart'. Molte persone hanno una ricetta preferita che spesso viene tramandata di generazione in generazione, ogni volta con l'aggiunta di un tocco personale. Tutte le ricette, però, hanno in comune il caldo profumo di cannella e la panna montata fresca come accompagnamento.

    Continua