La storia dei canali in Olanda

3 Visualizzazioni

Sin da quando strappano la terra al mare, gli olandesi costruiscono canali per il trasporto, l’irrigazione e il drenaggio dell’acqua. I famosi canali di Amsterdam sono il risultato di un’ottima pianificazione urbanistica (per tenere i piedi dei nostri amici olandesi all’asciutto…) e si prestano facilmente a fare da vie di trasporto extra. Anche Leida e Delft sono state progettate con in mente il trasporto via acqua. Oggi esistono non solo vaporetti che viaggiano sui canali: su questi canali, spesso a percorso semicircolare, navigano anche ristoranti galleggianti, case galleggianti ed imbarcazioni di ogni tipo. Un tocco di furbizia in più: i canali esterni che circondano la città servivano anche come protezione dalle invasioni straniere.

La disposizione dei canali nella città olandese moderna

Amsterdam è stata creata con cerchi concentrici di canali di fronte alla baia dell’IJ nel diciassettesimo secolo. Tre canali sono stati pensati appositamente per lo sviluppo urbano, il quarto canale esterno a scopi di difesa e per contenere l’acqua in eccesso. Queste quattro vie d’acqua sono interconnesse da canali a raggio, formando una specie di ventaglio. La costruzione ha avuto luogo da ovest verso est, e l’area ad est ha necessitato di molto tempo per l’irrigazione. Delft è invece un rettangolo, con canali disposti a griglia. L’Isola di Java, ad Amsterdam, è un ottimo posto per vedere una tecnologia dei canali più moderna.

Autenticamente olandesi

Se visiti Amsterdam o altre importanti città olandesi di sicuro vorrai vedere i canali. La loro storia è profondamente legata a quella delle città, e quasi tutti i pacchetti di escursioni includono i canali. Se vuoi semplicemente vedere i canali dall’acqua, prendere un taxi d’acqua può essere un ottimo modo, che ti fa risparmiare un po’ per il resto del tuo soggiorno (specialmente ad Amsterdam).