La Leida di Rembrandt

18 Visualizzazioni

6 di 6 visitatori ritengono utili queste informazioni.

Il 17° secolo vide fiorire il commercio, la scienza e l'arte. In quell'epoca Leida era una meta obbligata per i comandanti delle navi mercantili operanti nel settore del commercio dei tessuti. Leida, allora la seconda città dell'Olanda, era un florido centro per il commercio e l'industria tessile. Attraverso la sua università, la più antica del paese, contribuì notevolmente anche allo sviluppo culturale e scientifico. Inoltre Leida diede i natali a Rembrandt van Rijn, uno dei più importanti pittori di tutti i tempi.

  • Esplora Leida, città natale di Rembrandt, all'epoca del Secolo d'oro.
  • Osserva l'influsso esercitato dal commercio e dall'immigrazione su questa importante città olandese.
  • Scopri di più sulla storia dell'Hortus Botanicus e sull'Università di Leida.

Scopri la Leida del Secolo d'oro

L'università pionieristica, il clima di tolleranza e la fiorente economia fecero di Leida una destinazione alquanto attraente per scienziati, immigranti e commercianti. L'Università di Leida, la più antica d'Olanda, divenne un centro intellettuale frequentato da numerosi studiosi, filosofi e teologi. Il trattato "Discorso sul metodo" di Cartesio, che ha introdotto la nota formula "penso dunque sono", venne pubblicato a Leida nel 1637. La città accolse anche i Padri Pellegrini, fuggiti dall'Inghilterra per raggiungere l'Olanda, dove vigeva un clima di relativa tolleranza e stabilità. Questi si imbarcarono successivamente sulla nave Mayflower, strinsero il Patto del Mayflower e fondarono la Colonia di Plymouth, dove oggi sorge la cittadina di Plymouth, nel Massachusetts, Stati Uniti.

Affermare che Leida ebbe un ruolo fondamentale nel Secolo d'oro olandese non è un'esagerazione. Oltre ad avere contribuito fortemente allo sviluppo commerciale, scientifico ed economico, Leida esercitò un influsso notevole sul mondo dell'arte; inoltre diede i natali a Rembrandt, uno dei più importanti pittori di tutti i tempi.

Immergiti in un'epoca di arte e scienza

Rembrandt viveva nello stesso quartiere abitato dai Padri Pellegrini, nella zona in cui sorge l'iconica Pieterskerk, una chiesa in stile tardo gotico dedicata a San Pietro nonché luogo di sepoltura di famosi scienziati e dignitari, tra cui il prolifico pittore di genere Jan Steen, contemporaneo di Rembrandt. Steen, Rembrandt e altri maestri olandesi, quali Jan Lievens e Jan van Goyen, prosperarono a Leida, dalla quale trassero ispirazione. Insieme crearono un complesso di opere che ha lasciato un segno profondo nella loro città e nel mondo. La carriera di Rembrandt ebbe inizio già in giovane età proprio nella nativa Leida, dove l'artista realizzò oltre 40 dipinti. Alcuni di questi, come la tela "Brillenverkoper” (“Venditore di occhiali", 1624) e un autoritratto (1626), appartengono alla collezione del Museum De Lakenhal, unitamente a numerosi disegni e acqueforti. Il museo, ospitato in un

palazzo che in passato serviva come sede della corporazione dei mercanti di tessuti, rimarrà chiuso per lavori di ristrutturazione fino alla primavera 2019. Passeggiando per Leida è possibile ammirare migliaia di monumenti risalenti o ricordi dedicati a quell'epoca florida. La città, che vanta oltre 3000 statue e monumenti, è riuscita a conservare egregiamente lo spirito del Secolo d'oro.

Segui le orme di Rembrandt

È interessante seguire le orme lasciate a Leida dal giovane Rembrandt, iniziando con una passeggiata nei pressi del ponte Rembrandtbrug e nel parco Rembrandtpark. Il parco sorge molto vicino al vicolo Weddesteeg, dove nacque il maestro olandese; il luogo è contrassegnato da una statua e da una lapide sul muro. Prosegui attraverso il quartiere Pieterskwartier in cui l'artista ha vissuto, lungo il pittoresco canale Rapenburg, e visita la Pieterskerk; in questa chiesa sconsacrata puoi ammirare splendidi epitaffi, pietre tombali e manufatti. Raggiungi quindi la prestigiosa Scuola Latina, frequentata da Rembrandt, e l'Università di Leida dove l'artista studiò per un breve periodo. Infine visita l'atelier di Jacob van Swanenburg, presso il quale Rembrandt iniziò l'apprendistato. Più tardi Jan Steen si trasferì quasi alla porta accanto, come indicato da una lapida commemorativa posta sul muro. Rembrandt fondò presto il proprio atelier in Kort Galgewater, vicino all'edificio Stadstimmerwerf, e istruì una generazione di pittori. Il primo di questi fu Gerrit Dou, originario di Leida, nelle cui opere traspare chiaramente l'influsso del maestro, come è possibile osservare al Museum De Lakenhal.

Retaggio di una tradizione scientifica

Un'altra tappa storica è rappresentata dall'Hortus Botanicus, il primo giardino botanico dell'Olanda nonché uno dei più antichi del mondo. L'Hortus era stato realizzato dall'Università di Leida a beneficio degli studenti di medicina, ma attrasse esponenti di numerose discipline, tra cui il famoso botanico Carolus Clusius che ne divenne il primo prefetto, nel 1593.

Ti consigliamo: Scopri l'impatto esercitato da Rembrandt e dai suoi contemporanei del Secolo d'oro visitando i prestigiosi musei delle principali città olandesi, quali Amsterdam e L'Aia.

Il Secolo d'oro olandese

Visita le città protagoniste del Secolo d'oro olandese e scopri l'evoluzione artistica del paese.

Continua
Scopri di più sulla zona
La Leida di Rembrandt
Indirizzo: 
Oude Singel 28 - 32
2312RA Leiden
Visita il sito web
Visita il sito web