Operazione Market Garden: quell'ultimo ponte troppo lontano

118 Visualizzazioni

39 di 46 visitatori ritengono utili queste informazioni.

Dopo la liberazione di Bruxelles da parte delle truppe alleate avvenuta all'inizio del settembre 1944, l'avanzata subì una battuta d'arresto. Il feldmaresciallo britannico Bernard Montgomery sottopose allora il rischioso piano denominato Operazione Market Garden all'attenzione del comandante in capo dell'esercito alleato, il generale americano Dwight D. Eisenhower. L'obiettivo era quello di conquistare alcuni ponti sui principali fiumi olandesi, per consentire a una parte delle truppe alleate di aggirare la temuta linea difensiva Sigfrido e di avanzare verso la regione della Ruhr, cuore pulsante dell'industria bellica tedesca. Tuttavia l'Operazione Market Garden fallì a causa di "quell'ultimo ponte troppo lontano". Ripercorri le tracce della 101a Divisione aviotrasportata e della 82a Divisione aviotrasportata americane, della 1a Divisione aviotrasportata britannica e della 1a Brigata paracadutisti indipendente polacca attraverso l'Olanda ed esplora i luoghi che hanno avuto un ruolo cruciale durante una delle operazioni militari più famose della Seconda guerra mondiale.

  • Segui le tracce dei liberatori da Leopoldsburg fino ad Arnhem.
  • Esplora i luoghi che hanno avuto un ruolo cruciale durante l'Operazione Market Garden.
  • Visita musei, luoghi di ascolto e centri informativi per un resoconto dettagliato.

L'Operazione Market Garden ha inizio il 17 settembre 1944. Il piano si divide in due: un'offensiva aerea, denominata Operazione Market, con lancio di paracadutisti, e un'offensiva terrestre denominata Operazione Garden. In tre giorni le truppe di terra della 30a armata britannica devono percorrere la notevole distanza tra il confine belga e Arnhem. Per riuscire nell'impresa, è necessario che tutti i ponti intermedi vengano conquistati dai reparti paracadutisti. Tale incarico viene assegnato alla 101a Divisione aviotrasportata e alla 82a Divisione aviotrasportata americane nonché alla 1a Divisione aviotrasportata britannica. Il successo dell'operazione comporterebbe la fine della guerra entro il Natale del 1944, o almeno è quanto spera Montgomery. Sebbene si tratti di una delle azioni militari con il più ingente dispiegamento di paracadutisti della Storia, l'Operazione Market Garden ha un successo solo parziale. Dopo violenti scontri, Nijmegen e gran parte del Brabante Settentrionale vengono liberati. Purtroppo, nonostante i successi iniziali, gli alleati non sono in grado di mantenere il controllo di Arnhem. La metà settentrionale dell'Olanda verrà liberata solo nella primavera del 1945.

Inizio dell'Operazione Market Garden

Il 17 settembre 1944 avviene il lancio di migliaia di paracadutisti accompagnati da materiale bellico. I militari atterrano tra l'altro nei pressi di Son e nella brughiera di Ginkel, vicino a Ede. Ha inizio l'Operazione Market Garden. A Best, uno dei luoghi di atterraggio dei paracadutisti, sorge oggi il Museo Bevrijdende Vleugels, una meta interessante che consente di ammirare veicoli, macchinari e velivoli utilizzati durante l'operazione militare. Qui la Storia ha lasciato dei segni ancora molto tangibili.

Carica foto

L'alto prezzo del successo: Nijmegen e Groesbeek

Gli alleati avanzano con difficoltà. Le truppe di terra procedono verso nord su un'angusta strada a due corsie e sotto il costante tiro dell'artiglieria tedesca, tanto da ribattezzare il percorso "Hell’s Highway" (autostrada per l'inferno). Il 20 settembre 1944, nonostante la forte resistenza dell'esercito tedesco, gli alleati riescono a conquistare il ponte sul fiume Waal presso Nijmegen, ma a caro prezzo. Numerosi soldati perdono la vita durante l'eroica traversata del fiume Waal.

Per rendere omaggio ai soldati delle truppe alleate che hanno sacrificato la propria vita, ancora oggi i veterani partecipano alla cosiddetta "marcia del tramonto". I lampioni presenti sul ponte De Oversteek (La Traversata) si accendono uno ad uno mentre il veterano di turno marcia a ritmo. Nel 2019 è stato inaugurato a Nijmegen il centro informativo WOII con vista sul ponte. Assolutamente da non perdere durante un soggiorno a Nijmegen è il Museo nazionale della liberazione 1944-1945, nei pressi di Groesbeek. Da qui, nel settembre 1944, la 82a Divisione aviotrasportata intraprese la marcia verso Nijmegen. Pochi mesi dopo, a febbraio, questa località fu il trampolino di lancio dell'Operazione Veritable. Oggi il passato riprende vita al museo grazie a tecnologie avanguardistiche.

Copyright: Liberation Route Europe Foundation

Quell'ultimo ponte troppo lontano: Arnhem

Il 25 settembre 1944 l'Operazione Market Garden viene sospesa. Persino l'aiuto della 1a Brigata paracadutisti indipendente polacca si rivela vano. Le truppe alleate non riescono purtroppo a conquistare quell'ultimo ponte nei pressi di Arnhem, che è davvero troppo lontano. Al cimitero militare di Oosterbeek sono sepolti più di 1.750 soldati delle truppe alleate rimasti uccisi durante l'Operazione Market Garden. Ogni anno, durante la prima domenica successiva al 17 settembre, i caduti vengono ricordati con una solenne cerimonia.

Quell'ultimo ponte troppo lontano esiste ancora. Ribattezzato John Frostbrug, è uno dei luoghi di ascolto più iconici dell'itinerario Liberation Route. Presso il centro informativo Airborne at the Bridge, annesso al museo Airborne Museum Hartenstein di Oosterbeek, è possibile apprendere tutto sui tragici eventi del settembre 1944. Il ponte fa anche da sfondo all'iniziativa annuale Bridge to Liberation Experience, un evento commemorativo spettacolare e multimediale. Poco distante, nel villaggio di Driel, il centro informativo De Polen van Driel illustra il ruolo importante svolto dal generale Stanisław Sosabowski e dai paracadutisti polacchi durante l'Operazione Market Garden.

Leggi tutta la storia dell'Operazione Market Garden sul sito web di Liberation Route.

Percorso della liberazione

Vieni a scoprire questo storico Percorso della Memoria che collega le tappe più salienti dell'avanzata degli Alleati.

Continua
Scopri di più sulla zona
Operazione Market Garden: quell'ultimo ponte troppo lontano
Indirizzo: 
Rijnkade 155
6811HD Arnhem

Museo Bevrijdende Vleugels

Il museo Bevrijdende Vleugels (in italiano Ali della liberazione) racconta i tumultuosi eventi legati alla liberazione del sud dell'Olanda. Il museo sorge nel luogo in cui il 17 settembre 1944 avvennero gli sbarchi delle truppe aeree durante l'operazione Market Garden.

Continua

Museo nazionale della Guerra e della Resistenza

Rivivi l'occupazione e la persecuzione, ma anche la resistenza e il D-Day al museo della guerra Oorlogsmuseum Overloon e commemora, presso il cimitero, i soldati britannici caduti durante l'operazione Market Garden.

Continua

Museo nazionale della liberazione 1944-1945

Al Nationaal Bevrijdingsmuseum 1944-1945 (museo nazionale della liberazione) puoi ripercorrere il periodo che ha preceduto la guerra e il tempo dell'occupazione, celebrare la liberazione e osservare la ricostruzione dell'Olanda e dell'Europa.

Continua

Airborne Museum 'Hartenstein'

Al museo Airborne Museum Hartenstein puoi seguire da vicino la battaglia di Arnhem e l'operazione Market Garden attraverso manufatti autentici, filmati originali e documenti personali. Visita la Airborne Experience e lasciati trasportare nel bel mezzo della battaglia.

Continua

La liberazione dell'Olanda

La strada verso la liberazione dell'Olanda è costellata di avvenimenti importanti. Ripercorri tutti gli eventi che portarono alla liberazione dell'Olanda visitando i siti della Liberation Route e scopri di più sui luoghi salienti lungo il percorso.

Continua